Informativa
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Clicca sul bottone PROSEGUI per acconsentire all’uso dei cookie e continuare con la navigazione del sito.

Implantologia e protesi a carico immediato

L’implantologia è quella branca dell’odontoiatria deputata a sostituire i denti che sono andati persi a causa delle patologie a cui sono soggetti. Per la loro sostituzione si ricorre sempre più all’uso degli impianti osteointegrabili.
Si può definire un impianto come una sorta di radici che sostituisce quella del dente andata persa. L’impianto sarà posizionato all’interno dell’osso e costituirà la struttura dove si ancorerà la protesi, sia essa fissa o mobile, dopo un periodo di osteointegrazione che può durare dai due ai sei mesi circa. Sono composti di titanio, elemento biocompatibile cioè accettato dal nostro organismo.

Il termine osteointegrazione indica l’integrazione dell’impianto stesso nell’osso del paziente. A volte però l’osso può risultare non idoneo ad ospitare un impianto perché scarso. Questo problema si risolve con interventi di "rigenerazione ossea" (vedi glossario). Grazie agli impianti si può dunque riabilitare la masticazione con dei nuovi denti senza ancorarsi a quelli vicini che, dunque, non saranno sovraccaricati e sogetti ad uno stress che ne limiterebbe la durata nel tempo (vedi immagine). In alcuni casi la protesi potrà essere applicata sull’impianto subito dopo il suo posizionamento e, in questo caso, si parla di "protesi a carico immediato" (vedi di seguito).

Alcuni esempi

La protesi mobile, quando presenta una stabilità limitata, può essere ancorata sugli impianti tramite speciali attacchi posizionati in essa. In questo modo risulterà più confortevole sia nella masticazione che nella conversazione.

La protesi fissa con corone in ceramica su impianti si può eseguire in caso di perdita solo di alcuni denti e, se necessario, anche in mancanza di molti o tutti gli elementi dentali.

La protesi su impianti a carico immediato viene eseguita quando le condizioni ossee sono favorevoli e permettendo, nel giro di qualche ora, di ancorare sugli impianti protesi fisse con il vantaggio di accorciare le lunghe attese e riottenere subito un buon aspetto estetico. Può essere eseguita per sostituire uno o più elementi dentali andati persi.
Ma la protesi a carico immediato si esegue anche, e oggi sempre più spesso, su quei pazienti che sono destinati a perdere tutti i loro denti fortemente compromessi e che dovrebbero essere sostituiti dalle classiche dentiere. Questi denti vengono estratti e, praticando metodiche di avanguardia, subito sostituiti con impianti. Nel giro di poche ore su questi ultimi viene saldamente fissata una protesi (CASI 1 E 2). Con questa metodica si evitano quelle lunghe attese senza denti in cui il paziente non è a proprio agio con la masticazione e, soprattutto, nei rapporti con le altre persone.
La protesi a carico immediato, quindi, è in grado di fornire rapidamente al paziente un confort masticatorio ed un ottima estetica dentale. Questa tecnica, inoltre, riduce il numero di impianti da impiegare e permette, rispetto ad una tradizionale protesi in ceramica su impianti, di ridurre i costi senza assolutamente perdere in qualità.

CASO 1

CASO 2

CASO 3




SEDAZIONE COSCIENTE
Nei casi più impegnativi si può affrontare l’intervento di implantologia in tutta serenità usufruendo della sedazione cosciente (vedi glossario).
Nel nostro studio si fornisce questo servizio con il quale il paziente non sarà soggetto a nessuna forma di paura o panico, superando il tempo necessario all’intervento in tranquillità.