Informativa
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Clicca sul bottone PROSEGUI per acconsentire all’uso dei cookie e continuare con la navigazione del sito.

?>

Glossario

Garangeot: inventore della chiave di G. (1688-1759) per le avulsioni dei denti.

Gates (presa di): strumento endodontico costituito da uno stelo con punta elicoidale lavorante che reca all'apice un brevissimo tratto liscio. Viene utilizzata per la preparazione del terzo medio del canalare.

Gel: Colloide di apetto semisolido o gelatinoso.

     - G. irreversibile, colloide che trasformato non può più ritornare al suo stato iniziale.

Germinazione: divisione del bottone dentario in due parti e coalescenza dei tessuti duri che colpisce soprattutto gli incisivi.

Gengivectomia: asportazione chirurgica della gengiva o di una sua parte.

Gengiva: tessuto fibroso ricoperto da mucosa che circonda i colletti dei denti e si continua con il legamento periodontale.

     - g. aderente, porzione della gengiva che si diparte dalla gengiva marginale alla giunzione muco-gengivale ed è separata da questa dalla mucosa alveolare. Il suo aspetto a buccia di arancia è la risultante dell'estensione delle fibre gengivali nella lamina propria.

     - g. libera è quella parte di g. non aderenre (porzione coronale) che circonda i denti e forma il solco gengivale.

     - g. marginale, la parte di g. libera situata sul lato labiale (vestibolare), buccale, linguale, e palatale dei denti.

     - g. solco (cfr. solco gengivale).

Gengivite: catarrale, infiammazione transitoria della g. e/o mucosa orale che si accompagna ad eritema, edema e desquamazione epiteliale (occasionale).

     - g. desquamazione, infiammazione della g. con tendenza alla desquamazione della superficie epiteliale (menopausa, stress biologici di varia natura, stimolazioni estrogene - cfr. lichen planus).

Genio: prefisso per indicare mento.

Genioplastica: chirurgia plastica del mento.

Genotipo, idiotipo: somma di tutti i fattori ereditari, in contrapposto al fenotipo.

Ginglimo: articolazione a cerniera che permette di effettuare solo movimenti in avanti ed in dietro.

Gipsoteca: raccolta di modelli ontodontici ordinati secondo criteri di biblioteca.

Glabella: punto antropologico più prominente dell'osso frontale fra i due archi ciliali.

Glenoidale: fossa g. dell'articolazione temporo-mandibolare.

Gnathion: punto più basso sul bordo inferiore della mandibola sul piano mediano.

Gnatologia: braca della odontologia che studia il sistema masticatorio dal punto di vista fisiologico, dei suoi disturbi funzionali. Prevede il trattamento acclusale con apparecchiature che registrano i movimenti mandibolari nelle varie escursioni, posizione e rapporti intermascellari per una funzionalità gnatica ottimale.

Gnotobiota: flora e fauna comune (da gnotos e biota). E' riferito ad animali da esperimento cosiddetti axenici (senza germi) che inoculati con una sola specie batterica diventano gnotobioti.

Goethe (osso di): osso intermascellare.

Gonfosi: rapporto articolare secondo incastro cilindrico-conico tra radice dentale ed alveolo.

Gonion: punto antropologico all'incrocio della orizzontale mandibolare e verticale del ramo, situato nel punto più esterno dell'angolo mandibolare.

Goshgarian: barra palatale utilizzata in ortodonzia per correggere le rotazioni, espandere, contrarre ed inclinare le radici buccali dei primi molari permanenti superiori.

Graft: innesto di tessuto per riparare una perdita di sostanza.

Granuloma: massa localizzata di tessuto di granulazione, circondata da una capsula fibrosa che aderisce all'apice radicolare di un dente con polpa non vitale in preda a involuzione, cioè andata in putrefazione e quindi infetta il tessuto di granulazione.L'osso provvede a formare intorno alla fonte d'infezione, è come un argine, una barriera per evitare il suo diffondersi e rischiare una setticemia. (cfr. malattia focale).

     - g. interno (pulpoma, pink spot) lesione pulpare a evoluzione centrifuga indipendente da un processo carioso, che ha sede più frequentemente nei denti monoradicolari.

Grass-Line (legatura): è composta da fibre di una pianta grassa. Serve per piccoli spostamenti dentari ed è attivata dall'azione della saliva che inumidendola ne provoca la contrazione.

Grinding-in: rettifica di una disarmonica occlusale con una molatura.

Guard Bite: apparecchio rimovibile in resina che ricopre le superfici occlusali ed incisive dei denti, per stabilizzare i denti e stabilizzare gli effetti traumatizzanti di interferenze occlusali.

Gubernaculum dentist: stria di tessuto connettivo che fissa il sacco dentario della corona permanente alla gengiva che lo circonda.

Guerin: frattura di G. del mascellare che comprende il palato duro con i processi alveolari e la porzione inferiore dei processi pterigoidei, attraverso i seni mascellari (I.di Le Fort).

Guida: profilassi dell'endognazia con avulsione dapprima dei 4 canini e 4 primi molari decidui e in seguito dei premolari (Kjellgren).

Guida condilare: inclinazione della traiettoria della testa dei condili rispetto al piano masticatorio durante l'apertura e lo spostamento in avanti della mandibola (media 34"). Sull'articolatore traiettoria simile a quella prodotta dai condili nell'articolazione temporo-mandibolare.

     - g. incisiva, aggiustaggio in relazione occlusale, tale da produrre un minimo overbite e un massimo overjet.