Informativa
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per scopi statistici in forma anonima.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca QUI.
Clicca sul bottone PROSEGUI per acconsentire all’uso dei cookie e continuare con la navigazione del sito.

?>

Glossario

Fans: Farmaci antinfiammatori nonsteroidei. Vengono suddivisi in salicilici, pirazolici, indolici fenilpropionici, arilacetici ed altri.

Fattore (osseo): vedi osso.

F.D.I.: Fediration Dentaire Internazionale fondata nel 1900 a Parigi.

Fede (malattia di): ulcerazione sublinguale in forma di papilloma che ricorre nei bambini.

Fenotipo: insieme dei caratteri somatici visibili di un essere vivente (statura, colore degli occhi e dei capelli). Sono dovuti in parte all'eriditarietà e in parte all'azione dell'ambiente.

Ferula: filo metallico liscio e festonato che si adatta, legandolo ai singoli denti, per la contenzione di fratture dei mascellari.

Festone gengivale: porzione di gengiva libera al colletto dei denti dai quali è separata da uno spazio virtuale, il solco gengivo-dentario che comprende la gengiva marginale e le papille, formato dal festone vestibolare linguale e interdentario.

Fibre: strutture allungate di tessuto organico fascicolato.

     - alveolari, si estendono obliquamente dal cemento immediatamente al di sotto dell'attacco epiteliale sulla cresta alveolare dell'osso alveolare.

     - f. circolari, situate nella gengiva libera, circondano il dente come un anello.

     - f. collagene formano la parte più cospicua del tessuto connettivo gengivale.

     - f. oblique, si estendono dal cemento all'osso obliquamente in senso coronale.

     - f. transettali, si estendono nella zona interprossimale al di sopra della cresta alveolare e si inseriscono nel cemento dei denti adiacenti.

Fibromatosi: produzione eccessiva di tessuto connettivo d'aspetto simile a una neoplasia.

     - iperplasia del tessuto gengivale di natura ereditaria che copre in parte o tutti i denti permanenti.

File (lima): strumento canalare di cui distinguiamo il K-type e l'Hedstroem. La principale differenza tra i due tipi di lime è rappresentata dall'angolo formato tra il margine della spirale dello strumento e la parete del canale che nel K-type file è di 45°, mentre nel Hedstroem file risulta di 90°. Da ciò deriva che la limatura mediante Hedstroem files avviene solo con un movomento di introduzione e di trazione, invece che anche di 1/8 di giro e successiva retrazione come il K-type file.

Film: placca accumulata sulle superfici dentarie formata da batteri o precipitato organico della saliva.

Fimbria: frangia p.e. (f.) sottolinguale.

Fistola: sbocco di un dotto che si diparte da un processo patologico cronico alveolare o da una cavità naturale

     - alveolare, fistola che comunica con la cavità di un ascesso alveolare.

     - oroantrale, pertugio o comunicazione tra un seno mascellare e la cavità orale, attraverso il fondo di un alveolo

     - salivare, comunicazione tra un dotto o una ghiandola salivare e la superficie cutanea o cavità orale.

Floss Tape: filo di seta che bagnato con pomice è usato per pulire li superfici prossimali dei denti.

Fluoro: metalloide del gruppo alogeno di peso atomico 19. Si trova nel spatofluore. Simbolo chimico F. somministrato per via generale o topica possiede un'efficace azione carioprofilattica.

Fluorosi: intossicazione da prolungata assunzione di fluoro che accresce la densità delle ossa con ipoplasia e decolorazione dei denti.

     - f. dentaria endemica: ipoplasia dello smalto con marezzature di colore marronastro cosiddetto motled enamel, dente scritto, dentes veteados

Focale: vedi malattia (f.).

Foetor oris: alitosi, cacosmia, odore fetido della bocca.

Fondente: sostanza usata in odontotecnica per la fusione dei metalli, che ha la proprietà di aumentare la fluidità e di prevenire l'ossidazione alla superficie dei metalli.

Fones (tecnica di): metodica di spazzolamento dentale eseguita ad arcate dentarie chiuse, mentre lo spazzolino viene portato con movimenti circolari dai molari agli incisivi. La parte interna dei denti viene pulita a bocca aperta, con dei movimenti circolari corrispondentemente più piccoli. Risulta indicata in bambini e pazienti privi di tasche gengivali.

Fotopolimerizzazione: polimerizzazione, cioè passaggio dallo stato di monomeri a quello di polimeri (più semplicemente indurimento) indotto dalla luce (cfr. fotopilimerizzabile).

Fotopolimerizzabile: materiale che si fa indurire applicandovi una fonte luminosa.

Framework: struttura scheletrica metallica che porta i denti artificiali per formare una protesi.

Francoforte: vedi (piano di F.).

Free-way space: distanza tra due superfici occlusali dei denti del mascellare e della mandibola, quando la mandibola si trova nella sua posizione fisiologica di riposo.

Fremito (di Smreker): vibrazione della radice durante la percussione di un dente non vitale, con lesione del periapice.

Frenulo: fascio di tessuto muscolare e fibroso rivestito da mucosa, che si estende dalla mucosa alveolare alla linea di giunzione muco-gengivale (frenulo vestibolare) e dalla faccia ventrale della lingua al pavimento della bocca (frenulo linguale).